Home Come funziona un sistema
Come funziona un sistema
Un sistema antifurto è un dispositivo che ha il compito di rilevare ogni intrusione all´interno di un ambiente, effettuata da un individuo non autorizzato e, una volta rilevato, sia in grado di avvertire chi di dovere nel modo più adeguato. L´impianto antifurto purtroppo non può intervenire in alcun modo nei confronti dell´intrusi; e quindi di fondamentale importanza avere un buon sistema di segnalazione che possa indurre il malintenzionato alla fuga o che, in caso contrario, possa far giungere nel minor tempo possibile qualcuno in grado di farlo. Spesso nella progettazione di un impianto ci si sofferma parecchio sulla qualità e il numero dei sensori, trascurando invece gli attuatori d´allarme. Una semplice sirena ormai non è più sufficiente per spaventare un ladro un malintenzionato in quanto, sempre più spesso, sono loro i primi a saperla disattivare in poco tempo. E´ quindi bene tenere conto durante la progettazione, non solo i sistemi di rilevazione, ma anche gli attuatori dell´allarme, utilizzando per esempio più sirene o dei dispositivi di chiamata remota. Il cuore dell´impianto è la centralina dall´allarme; tutti gli altri dispositivi fanno capo ad essa. Si occupa dell´alimentazione delle periferiche ed è la sede della memoria di programmazione e di tutti i parametri dell´impianto. I dispositivi che si occupano di rilevare l´intrusione vengono denominati sensori o rilevatori e possono essere volumetrici (in grado di rilevare la presenza di un essere umano o simile all´interno dell´ambiente protetto) o perimetrici (in grado di rilevare se viene varcato il solo perimetro dell´ambiente protetto). La centralina può essere interfacciata con dispositivi che ne consentono l´inserimento a distanza. Questo in genere può avvenire tramite una chiave elettronica, un radiocomando o una tastiera a codice numerico. Esistono centrali che permettono la gestione da remoto, dando la possibilità di controllare per mezzo di un telefono o modem, lo stato dell´impianto e dei sensori e, in caso di avvenuto allarme, comunicando quale sensore lo ha generato. Alcune di queste offrono la possibilità di interagire con l´impianto tramite telefono permettendo di inserirlo, disinserirlo o di effettuare un ascolto ambientale. Come già detto, un ruolo di fondamentale importanza viene ricoperto dagli attuatori. Questi hanno il compito, nel momento in cui ricevono il comando dalla centrale, di comunicare nel più breve tempo possibile e nel modo più diretto e sicuro, l´avvenuto allarme. Al giorno d´oggi, gli attuatori maggiormente utilizzati sono le sirene e i combinatori telefonici. Le prime hanno il compito di far capire all´intruso che la sua presenza è stata rilevata, attirando l´attenzione visiva e sonora di chi si trova nelle vicinanze; i secondi invece, sono dispositivi che, al bisogno, utilizzando una linea telefonica, chiamano i numeri preimpostati riproducendo un messaggio registrato, dando la possibilità di essere avvisato a chi non può udire le sirene.